biancaContattiMappa del sitoEntrabianca

P19104 - L'interesse del minore al centro dei procedimenti giudiziari…

L’“interesse del minore” è il nodo cruciale di chi pratica la materia della famiglia e dei minori, una clausola in bianco che dilata gli spazi di apprezzamento discrezionale dell’interprete e dei suoi valori di riferimento.

È concreto il rischio che si cada in un decisionismo giudiziale del caso per caso, compromettendo la certezza delle relazioni giuridiche, la prevedibilità della decisione e l’unità del diritto nazionale. Dunque il generico riferimento all'"onnipresente" superiore interesse del minore non può paradossalmente trasformarsi nel "lasciapassare" per decisioni talvolta incoerenti rispetto alla normativa astratta di riferimento, con l’ulteriore ricaduta del problematico controllo di legalità da parte della Corte di cassazione per la centralità del fatto sul diritto.

Di qui l’importanza delle scienze giuridiche e psicosociali necessarie a riempire di contenuti una clausola altrimenti indefinibile.

Il corso intende altresì indagare se e come il “superiore interesse del minore” possa incidere sulle regole processuali organizzate per un giudizio tra adulti, considerato che anche il Comitato dei ministri del Consiglio d’Europa, nelle linee guida adottate il 17 novembre 2010, ha affermato espressamente che “gli Stati membri dovrebbero garantire l’effettiva attuazione del diritto dei minori a che il loro interesse superiore sia al primo posto, davanti ad ogni altra considerazione, in tutte le questioni che li vedono coinvolti o che li riguardano”, garanzia di effettività di attuazione del diritto che non può che passare per un processo “a misura di minore”.


Caratteristiche del corso:

Area: civile
 

 

Organizzazione: Scuola superiore della magistratura; durata: quattro sessioni (due giorni e mezzo); metodologia: al fianco di relazioni frontali, concepite in termini di presentazione dialogica dei temi e seguite da dibattito, saranno previsti lavori tra gruppi ristretti di partecipanti con esame di casistica; numero dei partecipanti: novanta; composizione della platea: trenta giudici ordinari con funzioni civili, dieci pubblici ministeri ordinari addetti agli affari civili, venti giudici minorili, dieci pubblici ministeri minorili, quindici giudici onorari dei Tribunali per i minorenni, cinque avvocati (con aumento proporzionale delle quote in caso di mancato esaurimento dei posti per ciascuna delle categorie indicate, ed applicazione residua degli ordinari criteri di selezione).

Sede e data del corso: Scandicci, Villa di Castel Pulci 4 dicembre 2019 (apertura lavori ore 15.00) – 6 dicembre 2019 (chiusura lavori ore 13.00).


 

Go to top