biancaContattiMappa del sitoEntrabianca

P19094 - Formazione dei formatori

Le strutture di formazione decentrata presenti su tutto il territorio nazionale hanno un ruolo centrale nel sistema complessivo della formazione giudiziaria italiana.

Sono indispensabili, per un verso, quali articolazioni di supporto alla struttura centrale. Basti pensare che a tali strutture è affidata una parte importante del training per i magistrati in tirocinio, per la magistratura onoraria e i giovani tirocinanti, ed è affidata inoltre l’offerta formativa in determinati settori (gestione dei programmi di scambio internazionale, formazione linguistica, ecc.). Si tratta poi di preziosi centri di rilevamento ed elaborazione dei bisogni formativi specifici del territorio, che evidentemente variano per qualità e quantità nei diversi distretti, e fungono da insostituibili collettori che convogliano variegate istanze dalla periferia verso il centro.

Per altro verso, la Rete del decentramento è chiamata, in ogni sua unità, ad elaborare e realizzare iniziative di formazione a livello distrettuale o interdistrettuale, così da intervenire su questioni rilevanti nel territorio con strumenti di agile programmazione. Una attività non slegata da quella riferibile all’offerta centrale, ma segnata da grande autonomia, nei contenuti e nell’organizzazione.

È un dato incontestabile, insomma, che negli ultimi anni la formazione decentrata ha visto un continuo e rilevante aumento dei propri compiti, con la conseguenza di un cambiamento genetico della funzione, originariamente pensata per organizzare eventi formativi di prossimità ed a completamento quantitativo e qualitativo dell’offerta nazionale. A fronte di questa metamorfosi, le risorse umane e di mezzi rimangono esigue, se non talvolta inesistenti, con importanti ripercussioni negative sull’attività didattica. A tale proposito, il corso dedicato alla rete di decentramento nel 2018 ha evidenziato la permanenza di gravi difficoltà nella programmazione e nella gestione dell’attività da parte dei formatori locali, in conseguenza alla mancanza di personale amministrativo distaccato, di sgravi concreti dall’attività giudiziaria, di una adeguata logistica. Negli anni più recenti si è anche registrato un preoccupante calo di “vocazioni”, rispetto all’assunzione del ruolo di formatore decentrato, salvo che per pochi distretti più vitali.

L’incontro “formazione dei formatori”, destinato a magistrati ordinari e onorari, con criteri di priorità mirati a favorire coloro che attualmente svolgono le funzioni specifiche e ad assicurare la presenza del maggior numero di distretti, vuole interrogarsi quest’anno sulle modalità operative per favorire il dialogo periferia-centro-periferia, nel rispetto della piena autonomia delle articolazioni locali, al fine di soddisfare le evidenti esigenze di coordinamento e di assicurare standard qualitativi omogenei. Sarà ripresa, tra l’altro, la riflessione sulla necessità di realizzare una programmazione coordinata, considerata per un verso l’estrema esiguità delle risorse in campo ma anche, per altro verso, l’esigenza di una formazione “agile”, capace di affrontare tempestivamente novità legislative o giurisprudenziali. Ampio spazio sarà riservato soprattutto all’ascolto dei formatori decentrati da parte della Struttura centrale, al fine di concorrere alla soluzione dei problemi, predisporre il necessario supporto e condividere strategie future, oltre ad eventualmente porre allo studio nuovi assetti organizzativi per una maggiore efficienza del sistema nel suo complesso.


Caratteristiche del corso:

Area: comune
 

 

Organizzazione: Scuola superiore della magistratura; durata: quattro sessioni (due giorni e mezzo); metodologia: dibattito guidato e gruppi di lavoro; numero complessivo dei partecipanti: cento; composizione della platea: magistrati ordinari e onorari, con precedenza per tre magistrati provenienti da ciascuna delle Strutture territoriali che ricoprano la carica di formatore decentrato al momento di pubblicazione del bando per la partecipazione (almeno uno dei quali onorario); per questo corso non è possibile la richiesta di ammissione in via ordinaria.

Sede e data del corso: Scandicci, Villa di Castel Pulci, 11 novembre 2019 (apertura lavori ore 15.00) – 13 novembre 2019 (chiusura lavori ore 13.00).


Go to top