biancaContattiMappa del sitoEntrabianca

HomeFormazione permanenteFormazione permanente anno 2019FormazioneFormazione PermanenteFormazione Permanente anno 2019P19029 - Le prove civili: approfondimento e confronti tra tecnologia e tradizione

P19029 - Le prove civili: approfondimento e confronti tra tecnologia e tradizione

La programmazione della Scuola per l’anno 2019 ripropone il corso sulla prova civile, tra i maggiormente richiesti nell’anno precedente.

Il corso affronterà i temi tradizionali, ma pur sempre controversi, del rapporto tra parti e giudice nella ricostruzione del fatto e nell’acquisizione della prova, e quindi le questioni concernenti il rapporto tra preclusioni assertive e probatorie nei diversi riti processuali, tra principio della domanda, onere di allegazione e divieto di scienza privata del giudice.

Il corso guarderà anche al tema della valutazione della prova da parte del giudice, con particolare riferimento al ragionamento presuntivo ed alla prova indiziaria, ma anche avendo riguardo ai cd. “fatti senza prova”, come nei casi di non contestazione e dei fatti notori.

Il programma sarà articolato così da trattare diversi temi rilevanti in ambito probatorio: una sessione, previa divisione dei partecipanti in gruppi di lavoro, approfondirà il tema del riparto dell’onere probatorio in alcuni dei settori di contenzioso di maggior ricorrenza nella pratica giudiziaria.

Ancora, verrà trattato il tema della prova nei procedimenti cautelari.

Le principali questioni in tema di prove documentali e prove atipiche saranno considerate anche sotto una luce nuova, quella dell’impatto della tecnologia sulla formazione della prova civile, con particolare riguardo al documento informatico. L’informatizzazione dei dati conduce ad un lento ma inesorabile abbandono del documento analogico, tanto più in contesti in cui l’operatività è strettamente legata all’utilizzo dello strumento elettronico. Questa evoluzione richiede l’assunzione di nozioni informatiche in costante aggiornamento e, specie nella sfera del diritto processuale civile, ne esce mutato il quadro e l'analisi dei singoli mezzi di prova.

Il corso intende quindi sviluppare, oltre alla trattazione degli argomenti tradizionali sopra indicati, anche ulteriori approfondimenti mirati sulle modificazioni che le nuove tecnologie comportano nel settore dell’attività istruttoria in ambito civile. In particolare, è fondamentale verificare i mutamenti relativi alla formazione del libero convincimento del giudice civile di fronte alle nuove modalità di gestione del processo, alle nuove forme documentali, alle nuove opportunità probatorie offerte dallo sviluppo scientifico e tecnologico. Al riguardo sarà oggetto di attenzione il Regolamento eIDAS (electronic IDentification Authentication and Signature) dell’Unione europea n. 910/2014.

In conclusione, per riprendere il titolo del corso, le prove civili saranno inserite in una cornice nuova, caratterizzata dal confronto tra la tradizione e la tecnologia, così da offrire ai partecipanti un quadro evoluto e completo delle attività probatorie e del lavoro istruttorio al tempo della modernità.


Caratteristiche del corso:

Area: civile


Organizzazione: Scuola superiore della magistratura;durata: quattro sessioni (due giorni e mezzo); metodologia: mista (introduzione frontale di temi ed argomenti seguita da dibattito, gruppi di lavoro e laboratorio); numero complessivo dei partecipanti: novanta; composizione della platea: cinquantacinque magistrati ordinari e trenta onorari addetti a funzioni giudicanti civili, nonché cinque avvocati.

Eventuali incompatibilità:saranno postergati rispetto ad ogni altro richiedente coloro che risultino essere stati ammessi al corso P18011.

Sede e data del corso: Scandicci, Villa di Castel Pulci 27 marzo 2019 (apertura lavori ore 15.00) – 29 marzo 2019 (chiusura lavori ore 13.00).


Go to top