biancaContattiMappa del sitoEntrabianca

P19016 - La lingua della giurisdizione

Il corso, organizzato in collaborazione con l’Accademia della Crusca, rappresenta un appuntamento tradizionale dell’attività formativa.

L’intento è quello di fornire ai magistrati suggerimenti per affinare la tecnica di scrittura argomentativa, sia nella redazione degli atti e dei provvedimenti interlocutori, sia nella elaborazione della sentenza.

Come scrivono i giudici? Questo l’interrogativo da cui partire. Alcuni linguisti considerano il linguaggio dei giudici il più temibile ma, allo stesso tempo, il più importante per lo Stato e per la collettività. Per questa ragione, la Scuola superiore, sin dal suo esordio, ha privilegiato la scelta di approfondire il linguaggio giuridico: la formazione professionale senza tecnica espressiva è arte priva della sua concretezza ed efficacia.

Il tema – come è noto – è molto di attualità ed esiste in materia una ormai sterminata bibliografia, composta in larga parte da documenti degli stessi organismi giudiziari nazionali ed europei (una ricca documentazione può essere rinvenuta, fin d’ora, nel sito della Scuola, come risultato del corso sullo stile delle sentenze tenuto nel 2017).

La lingua nemica della chiarezza, satura di formule burocratiche, quella che Calvino definiva “l’antilingua”, troppo spesso cela una enorme distanza tra chi scrive e gli interlocutori, quasi a voler innalzare barriere anziché comunicare.

Il linguaggio giudiziario, caratterizzato per lo più dalla tecnica di scrittura argomentativa, dovrebbe avere lo scopo di essere chiaro e diretto pur nella esigenza di utilizzare la terminologia appropriata al diritto.

È quasi superfluo notare che “semplificare il linguaggio” non vuol dire in alcun modo cedere alla tentazione della sua banalizzazione, né rinunciare al necessario specialismo che è insito nella sua natura giuridica. L’obiettivo del corso è dunque quello di divulgare l’uso di un linguaggio scritto che non si caratterizzi per l’eccesso delle formule, la ridondanza vana dell’espressione, la complicazione della sintassi, l’abuso delle parentetiche o persino – si riscontra talvolta anche questo difetto – l’uso erroneo della punteggiatura o il ricorso ad un vocabolario raro e ricercato.

Tali modalità di scrittura, affidate ad un periodare complesso e sin troppo ricercato, contrastano con l’esigenza dell’atto giudiziario di farsi comprendere dai suoi destinatari e, in ultima analisi, dai cittadini affinché, dalla lettura delle sentenze, possano trarre preziosi spunti di analisi, da divulgare nei vari ambiti sociali interessati dalle decisioni giudiziarie.

Il corso avrà carattere seminariale. Dopo poche relazioni frontali, il lavoro proseguirà in gruppi, che studieranno su testi già selezionati (per riscontrarne i difetti) o su altri testi da comporre, discutendo fattivamente su esempi tra magistrati, studiosi del diritto e, soprattutto, linguisti.

In conclusione, non è possibile insegnare con esattezza come scrivere perché lo scritto si nutre anche di stile personale, abbinato non tanto alla mano ma alle idee di colui che scrive. Al contrario, si può insegnare come non scrivere e quali sono gli errori da evitare: per fare pratica l’unico esercizio è quello di prendere un documento scritto, di leggerlo e di individuare le parole e le frasi fuori posto, per poi scriverlo nuovamente con un linguaggio chiaro e preciso.


Caratteristiche del corso:

Area: comune
 

 

Organizzazione: Scuola superiore della magistratura in collaborazione con l’Accademia della Crusca; durata: quattro sessioni (due giorni e mezzo); metodologia: al fianco di poche relazioni frontali, concepite in termini di presentazione dialogica dei temi e seguite da dibattito, saranno previsti lavori tra gruppi ristretti di partecipanti, con esame di casistica; numero complessivo di partecipanti: novanta; composizione della platea: settanta magistrati ordinari e dieci onorari, oltre a cinque magistrati amministrativi e a cinque avvocati.

Eventuali incompatibilità: saranno postergati rispetto ad ogni altro richiedente coloro che risultino essere stati ammessi al corso P18086.

Sede del corso: Firenze, Sede dell’Accademia della Crusca (via di Castello, n. 46), 25 febbraio 2019 (inizio lavori ore 15.00) – 27 febbraio 2019 (fine lavori ore 13.00).


Go to top