biancaContattiMappa del sitoEntrabianca

HomeFormazione permanenteFormazione permanente anno 2018FormazioneFormazione PermanenteFormazione Permanente anno 2018T18012 Concordato preventivo e fallimento: una prospettiva interdisciplinare su prassi applicative, opzioni interpretative e prospettive di riforma

T18012 Concordato preventivo e fallimento: una prospettiva interdisciplinare su prassi applicative, opzioni interpretative e prospettive di riforma

Il corso presenta una spiccata valenza interdisciplinare ed è quindi idoneo a soddisfare le esigenze formative dei magistrati che svolgono funzioni requirenti, dei giudici del dibattimento, dei giudici delegati alle procedure concorsuali.

Profili penalistici e profili civilistici in materia sono intimamente connessi e spesso i diversi attori coinvolti (giudice delegato, pubblico ministero e giudice penale) si trovano a dover fare i conti con principi non strettamente pertinenti alla propria branca del diritto: ragione per cui il corso si propone di procedere, innanzitutto, ad inquadrare giuridicamente le fattispecie (sia dal punto di vista civilistico che penalistico) in sessioni plenarie comuni per poi analizzare – in gruppi di lavoro – le tematiche connesse ad ogni settore di pertinenza.

Dopo una panoramica generale sulle procedure concorsuali e sul fallimento, così come disciplinate dal r.d. n. 267 del 1942, verrà scandagliata la procedura concorsuale volontaria del concordato preventivo, tenendo conto dei più recenti interventi normativi in materia, degli orientamenti giurisprudenziali, delle prassi applicative e delle prospettive di riforma.

Alla luce della casistica giurisprudenziale, verranno trattati i reati fallimentari (e, segnatamente, i reati in materia di concordato preventivo), nonché – in un approccio teorico-pratico –  le tecniche investigative e di accertamento delle condotte costituenti reato.

Un accenno, infine, al bilancio ed alla sua lettura ed alla valutazione della prova da parte del giudice penale.

Caratteristiche del corso:

Area: comune l

Organizzazione: Scuola superiore della magistratura – Struttura decentrata della Corte d’appello di Bologna; durata: quattro sessioni (due giorni e mezzo); metodologia: mista (relazioni frontali e  dibattito); numero dei partecipanti e composizione della platea: settanta magistrati ordinari in servizio presso distretti diversi da quello di Bologna (con precedenza per venticinque giudici delegati ai fallimenti e venti pubblici ministeri), nonché magistrati ordinari ed onorari e avvocati del distretto di Bologna, entro il numero e secondo i criteri di ammissione stabiliti dalla struttura territoriale.

Eventuali incompatibilità: nessuna.

Sede e data del corso: Bologna, Centro San Domenico (Piazza San Domenico 12), 7 maggio 2018 (inizio lavori ore 15.00) – 9 maggio 2018 (fine lavori ore 13.00).

Go to top