biancaContattiMappa del sitoEntrabianca

HomeFormazione permanenteFormazione permanente anno 2018FormazioneFormazione PermanenteFormazione Permanente anno 2018T18001 - Il reato di tortura (legge n. 110 del 2017). Prime letture e riflessioni nella prospettiva interna e comparatistica

T18001 - Il reato di tortura (legge n. 110 del 2017). Prime letture e riflessioni nella prospettiva interna e comparatistica

Il corso vuole promuovere una riflessione approfondita sulla nuova norma incriminatrice e sul percorso che ha portato all’introduzione, con la legge n. 110 del 2017, del delitto di tortura, recependo così le indicazioni contenute nella Convenzione di New York del 1984 ed i valori contenuti nell’art. 3 della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo, che proibisce la tortura e il trattamento o la pena disumana o degradante.

Come noto, tale percorso è stato lungo e faticoso ed è passato attraverso condanne dell’Italia da parte della Corte di Strasburgo e solleciti del Consiglio d’Europa.

Sarà dedicata attenzione ai principi fondamentali contenuti nelle convenzioni internazionali ed agli aspetti comparatistici, analizzando poi il dettato normativo, sia con riguardo agli aspetti sostanziali che a quelli processuali. Si cercherà di capire quali possano essere i punti deboli del nostro sistema, al fine di prevenire situazioni critiche in fase di applicazione della nuova disciplina. Adeguata attenzione, inoltre, verrà prestata al tema dei danni causati alle parti offese del reato.

Il tema sarà affrontato anche ricostruendone l’evoluzione, avuto tra l’altro riguardo al tormentato iter legislativo. Il corso si avvarrà del contributo di studiosi del settore ed anche dell’esperienza di avvocati che, non trovando in passato tutela adeguata nel nostro ordinamento, di fronte a fatti gravissimi, hanno redatto ricorsi, sfociati nelle pronunzie della Corte di Strasburgo.

Caratteristiche del corso:

Area: penale l

Organizzazione: Scuola superiore della magistratura – Struttura decentrata della Corte d’appello di Genova (con il concorso dell’Università degli Studi, della Camera penale ligure e dell’Ordine degli avvocati di Genova); durata: tre sessioni (un giorno e mezzo); metodologia: mista (relazioni frontali, dibattito ed eventuale tavola rotonda); numero dei partecipanti e composizione della platea: sessanta magistrati ordinari ed onorari con funzioni penali, provenienti da distretti diversi da quello di Genova, oltre a magistrati ordinari ed onorari e ad avvocati che operino nel distretto genovese, entro il numero e secondo i criteri stabiliti  con la Struttura organizzatrice.

Eventuali incompatibilità: nessuna.

Sede e data del corso: Genova, 8 febbraio 2018 (apertura lavori ore 15.00 presso la Sede dell’Università degli studi, via Balbi, 5) –  9 febbraio 2018 (dalle ore 9.00, con chiusura dei lavori alle ore 17.30,

Go to top