biancaContattiMappa del sitoEntrabianca

P18090- La Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea

In quasi la metà delle sentenze ed ordinanze pronunziate nell’anno 2016, la Corte di giustizia dell’Unione Europea ha espresso riferimenti, di diversa natura, alla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione. La Carta di Nizza assegna, attraverso la giurisprudenza europea, nuovi orizzonti e nuove responsabilità al giudice nazionale che sia chiamato a proteggere diritti fondamentali. Tra casi di interpretazione conforme e di rinvio pregiudiziale, si pone oggi anche la questione della disapplicazione del diritto nazionale a fronte di norme della Carta “direttamente applicabili”.

Per l’epoca nella quale il programma del corso sarà definito nel dettaglio si attendono le decisioni della Corte di Lussemburgo sulla “saga” Taricco e sui rinvii pregiudiziali italiani in materia di ne bis in idem. 

Il corso affronterà dunque, ed anzitutto, il sistema della Carta, dall’ambito di applicazione alla distinzione di principi e diritti, agli effetti sul diritto interno e fino ai rapporti con la Convenzione europea dei diritti dell’uomo e la giurisprudenza della Corte di Strasburgo.

Alcuni temi sostanziali della Carta saranno oggetto di specifica attenzione: oltre al citato ne bis idem, una sessione sarò dedicata all’art. 47, che sancisce il diritto ad una tutela giudiziaria effettiva, ossia la norma più citata nella giurisprudenza della Corte europea. Il tema delle “interazioni” tra le fonti, e le tecniche di esame delle questioni sollevate dalla Carta, saranno trattati in gruppi di lavoro.

Il corso si gioverà dei risultati di tre progetti internazionali di formazione e ricerca (Actiones, Re-JUS e Judging the Charter), progetti ai quali partecipa la Scuola superiore della magistratura.

Caratteristiche del corso:

Area: comune l

Organizzazione: Scuola superiore della magistratura; durata: quattro sessioni (due giorni e mezzo); metodologia: mista (relazioni frontali, dibattito, gruppi di lavoro ed eventuale tavola rotonda); numero complessivo dei partecipanti: novanta; composizione della platea: settantacinque magistrati ordinari, dieci magistrati onorari, cinque avvocati.

Eventuali incompatibilità: nessuna.

Sede e data del corso: Scandicci), Villa di Castelpulci, 21 novembre 2018 (apertura lavori ore 15.00) – 23 novembre 2018 (chiusura lavori ore 13.00).

Go to top