biancaContattiMappa del sitoEntrabianca

HomeFormazione permanenteFormazione permanente anno 2017P17033 - Il diritto di asilo ed alla protezione internazionale – Livello avanzato

P17033 - Il diritto di asilo ed alla protezione internazionale – Livello avanzato

Le statistiche del Ministero dell’Interno rivelano che i ricorsi per protezione internazionale ricevuti dalle commissioni territoriali nel primo semestre del 2016 superano i cinquantamila e sono in costante aumento. Le decisioni di rigetto riguardano circa il 60% dei ricorsi. Secondo i dati forniti, sulla base di rilievi a campione, dal Ministro della Giustizia, i tribunali italiani hanno ricevuto nei primi cinque mesi del 2016 quindicimila ricorsi giurisdizionali, con un ritmo di circa tremilacinquecento ricorsi al mese. Il flusso crescente ed impetuoso delle istanze di protezione internazionale ha indotto il Consiglio Superiore della Magistratura a disporre applicazioni straordinarie di magistrati. Il governo sta inoltre studiando un disegno di legge volto a velocizzare la fase giurisdizionale, modificandone la procedura.

La Scuola della Magistratura intende rispondere alla “emergenza” dei ricorsi in materia di protezione internazionale, organizzando due corsi di diverso livello.

Il secondo corso, di livello avanzato, sarà organizzato in collaborazione con il Ministero dell’Interno e sarà aperto alla partecipazione di vice-prefetti che presiedono le commissioni amministrative territoriali, secondo un percorso di formazione comune di vice-prefetti e giudici già avviato nel corso dell’anno 2016.

Il corso sarà caratterizzato da ampi spazi di confronto volti a dibattere questioni controverse ed a confrontare diverse prassi applicative.

Saranno affrontati temi procedurali, riguardanti il principio dispositivo, i poteri ufficiosi e dovere di cooperazione del giudicante, l’onere della prova. Saranno discusse le tecniche d’intervista e gli indici di credibilità del richiedente, anche alla luce del manuale dell’Alto Commissariato per i rifugiati. Si analizzeranno le cause di inclusione ed esclusione, nonché casi particolari di protezione (legati ad esempio ad orientamento sessuale; violenza passata; ricorrenti che siano vittime di traffico di esseri umani, di seri atti di violenza propria o nei confronti della famiglia, di tortura). Specifica attenzione sarà dedicata ai presupposti per la protezione umanitaria. Anche in questo corso il tema delle informazioni sul paese d’origine sarà centrale. Saranno considerati i rapporti, procedurali e sostanziali, tra la normativa nazionale e le direttive europee. Saranno infine affrontati il tema del rapporto tra procedimento amministrativo e procedimento giurisdizionale e quello del controllo, da parte dell’autorità giurisdizionale, sul rispetto delle norme procedurali nella fase amministrativa, con particolare riguardo al diritto di difesa ed alla garanzia del contraddittorio

Sede e data del corso: Roma, 19-21 aprile 2017

Go to top