biancaContattiMappa del sitoEntrabianca

P14049 La responsabilità sanitaria

La prova del nesso di causalità (specie in rapporto alla condotta omissiva, ove vi è divaricazione giurisprudenziale
tra nozione penalistica e nozione civilistica), l’individuazione e il riparto di responsabilità nella struttura sanitaria
e nell’équipe, l’individuazione e la quantificazione della lesione, specie in caso di mera mancata informativa o
perdita di chance (questioni su cui parimenti sussistono diverse sensibilità e soluzioni giuridiche): si tratta di
aspetti che sono stati discussi in ambito giurisprudenziale negli ultimi anni in rapporto alla responsabilità dei professionisti
della sanità, e hanno finito per influenzare ampi settori del diritto civile e penale. Su tali temi magistrati
di entrambi i settori potranno proficuamente confrontarsi, anche riflettendo – con la partecipazione di operatori
sanitari e medici legali – su aspetti più specifici, quali l’ambito degli accertamenti peritali e la possibilità, anche
per il giudice penale, di liquidare direttamente le somme di spettanza in base a criteri condivisi, evitando la rimessione
al giudice civile. Sarà altresì l’occasione per discutere la posizione, che comincia a manifestarsi nella
giurisprudenza di legittimità, volta a ricondurre l’applicabilità della disciplina del d.l. n. 158 del 2012 (convertito
in l. n. 189 del 2012) al solo processo penale.

17 – 19 settembre

 

 

Go to top