biancaContattiMappa del sitoEntrabianca

HomeDocumentazioneArchivioInaugurato l’anno formativo 2014

Inaugurato l’anno formativo 2014

DSC01868 v2In data 27 gennaio 2014, presso la sede di villa Castel Pulci, è stato inaugurato l'anno formativo della Scuola, con l'intervento del presidente della Corte Costituzionale, del ministro della giustizia e del vicepresidente del C.S.M., alla presenza di numerose  autorità  nazionali e locali.
Nel corso della sua relazione il presidente della Scuola Valerio Onida, dopo aver dato lettura del messaggio augurale del Capo dello Stato, che ha espresso “apprezzamento per l’impegno, la professionalità e l’alto livello culturale che hanno caratterizzato il primo anno di funzionamento della nuova struttura” , ha riepilogato l'ampiezza dei programmi completati nel 2013, ringraziando i vari protagonisti istituzionali e quanti, all'interno della Scuola, hanno operato per raggiungere tale traguardo.
Tra le difficoltà che permangono ha menzionato il limitato numero di risorse umane, "vero  punto dolente" nella gestione della Scuola, che peraltro non ha impedito di garantire, alla quasi totalità dei circa 5000 magistrati che hanno avanzato richiesta, la partecipazione ad almeno un corso, contenendo nel contempo i costi di gestione.
Ha ricordato come la Scuola abbia raccolto e superato le sfide connesse alla gestione del nuovo modulo di tirocinio residenziale, che ha visto la presenza nel 2013 di ben 645 neomagistrati, mentre se ne avvicina l'immissione in servizio di circa altri 350.
Tra le iniziative innovative previste per il 2014 ha preannunciato l'offerta senza oneri per tutti i magistrati attraverso il portale della Scuola (in corso di restyling) della possibilità (secondo modalità di imminente diffusione) di:
a) consultare le principali riviste e banche dati giuridiche;
b) seguire corsi on line di inglese giuridico.
Il ministro della Giustizia, Anna Maria Cancellieri, ha parlato della Scuola come di una " straordinaria struttura con un direttivo che fa progetti straordinari", mentre il vicepresidente del C.S.M. Michele Vietti nel suo intervento ha evidenziato l'importanza della formazione professionale del magistrato ai fini della credibilità della funzione giudiziaria.
Il presidente della Corte Costituzionale Gaetano Silvestri ha chiuso i lavori ricordando la sua esperienza di docente presso la Scuola e sottolineando l'utilità del confronto che ha luogo nei corsi, dove magistrati provenienti da diverse realtà territoriali si confrontano proficuamente mettendo in comune le rispettive conoscenze.

Go to top