biancaContattiMappa del sitoEntrabianca

Home

SEMINARIO DI STUDI SU "IL TERRORISMO DI MATRICE JIHADISTA" (Roma, 19.1.2016). Interpello per la selezione di 34 magistrati giudicanti

fpfp16001Il C.S.M. e la Scuola della magistratura organizzano per il 19 gennaio p.v., presso la sede del C.S.M., un seminario formativo con cui intendono offrire ai magistrati potenzialmente coinvolti nel contrasto alle forme terroristiche di matrice jihadista una riflessione riguardante la ricostruzione storica, sociologica ed economica del fenomeno come pure i profili squisitamente giuridici afferenti non soltanto al tema delle indagini , ma anche al problema dell’inquadramento delle fattispecie di reato in esame ed ai problemi applicativi prospettati dalla dottrina e dalla giurisprudenza, anche in riferimento alla salvaguardia dei diritti fondamentali del cittadino nel rapporto con l’autorità pubblica.
L'iniziativa è aperta alla partecipazione di 34 magistrati requirenti (selezionati dai Procuratori della Repubblica), 7 consiglieri di Cassazione (selezionati dal Primo Presidente della Cassazione), 3 sostituti procuratori generali della Cassazione (selezionati dal Procuratore Generale della Cassazione), e 34 magistrati giudicanti di merito, di cui due in servizio presso ciascun distretto di Roma, Milano, Napoli, Torino, Bologna, Firenze, Palermo, Bari e Venezia, ed uno presso tutti gli altri distretti, selezionati da parte della Scuola, sulla base del format telematico e dei criteri indicati indicati nell'interpello e nel programma cui si accede qui.


Termine ultimo per la presentazione delle domande di partecipazione: 7 gennaio 2016.

Provvedimento di selezione degli ammessi

Modulo di prenotazione

Ammissioni ai corsi 2016 e portale video dei corsi della Scuola.

imagesSi comunica che sono disponibili on line le graduatorie di ammissione, le circolari logistiche ed il nuovo modulo di prenotazione per i corsi di formazione permanente 2016.

Alla scadenza del termine, hanno presentato domanda 8549 magistrati (7147 professionali e 1402 onorari); di questi 6882 sono stati ammessi a un corso (5980 magistrati professionali e 902 onorari), mentre 376 sono stati ammessi a due corsi (nessuno dei quali richiesto da chi non ha ottenuto ammissioni...). Rimangono senza ammissioni 1291 richiedenti: 786 professionali e 505 onorari (ben 861 utenti hanno formulato richiesta di partecipazione a un solo corso).

Si avvisano altresì gli interessati che sul portale VIDEO-S.S.M., raggiungibile dal sito della Scuola, sono visualizzabili 54 Sessioni di corsi di formazione relative agli anni 2014 e 2015, per un totale di 136 relazioni comprensive di successivo dibattito. I contenuti sono individuabili per mezzo di uno strumento di ricerca che permette di selezionare un video in base al corso, all’oggetto della relazione o al relatore.

A tutti gli utenti vanno gli auguri di buone festività da parte del Comitato direttivo e di tutto il personale della Scuola superiore della magistratura.

RECORD DI DOMANDE PER I CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE DEL 2016

foto recordIn data di ieri è scaduto il termine per la presentazione della domande informatizzate di ammissione ai corsi di formazione permanente previsti dalla Scuola per il 2016.
Il numero di magistrati che ha presentato richiesta di partecipazione ha toccato la quota record di 8549, di cui 7147 di magistrati professionali e 1402 di magistrati onorari (nel 2015 sono state 8096, di cui 6822 di magistrati professionali e 1274 di onorari).
Viene così confermato, con un numero di domande mai raggiunta in precedenza, il crescente interesse delle magistrature sia togata che onoraria per un’offerta di formazione sempre più diversificata nei contenuti e sul territorio.
Il dettaglio delle istanze di ammissione, suddivise per ogni singolo corso, è consultabile qui.
Anche quest’anno, come per i tre anni precedenti, il corso più richiesto (con ben 1005 domande) è quello dedicato alla “Psicologia del giudicare”.
Quanto prima, all’esito dell’elaborazione automatica delle richieste, sarà divulgato l’elenco dei partecipanti per ogni singolo corso e  ciascun magistrato potrà visionare nel proprio profilo l’indicazione dell’evento formativo (o degli eventi) cui è stato ammesso.

IL NUOVO PROGRAMMA DEI CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE PER IL 2016

Copertina 2016È stato pubblicato sul sito della Scuola il catalogo dei corsi di formazione permanente per l'anno 2016. Il programma prevede ben 112 corsi di formazione, di cui 93 corsi centrali e 19 iniziative territoriali.

Le richieste di partecipazione, nel numero massimo di quattro indicazioni pro capite, possono essere inoltrate secondo il consueto format telematico presente sul sito e rinvenibile qui.

Termine ultimo per la presentazione delle domande il 14 dicembre p.v.

A seguito di nuova convenzione stipulata dalla Scuola, la sede di ospitalità alberghiera per gli utenti dei corsi sará quella dell'Hotel Hilton Florence Metropole di Firenze, situato ad una distanza di 10 km. da Castel Pulci e collegato con navette sia alla Scuola che al centro di Firenze.

Al fine di una corretta valutazione delle domande, prima di inoltrare una nuova richiesta di partecipazione ai corsi, si invitano gli utenti a verificare che l'indirizzo email e le informazioni contenute nel profilo personale siano corrette. Qualora la domanda sia stata già inoltrata, sarà sufficiente aggiornare il profilo ed inoltrare una nuova istanza che annullerà sostituirà automaticamente la precedente.

Sottoscritto un protocollo di iniziative formative tra la Scuola superiore della magistratura e il Consiglio di presidenza della Giustizia Tributaria

IMG 1363Sottoscritto un protocollo di iniziative formative tra la Scuola superiore della magistratura e il Consiglio di presidenza della Giustizia Tributaria.

Il 24.11.2015, in occasione del corso “Giudici comuni e Corte Costituzionale”, aperto anche alla partecipazione giudici tributari, il presidente della S.S.M. prof. Valerio Onida e il sen. avv. Luigi Cavallaro, presidente del Consiglio di presidenza della Giustizia Tributaria, hanno sottoscritto un protocollo di intesa per iniziative formative comuni.

 

"Professione magistrato”: identità e immagine della magistratura nell'Italia di oggi

copLa Scuola superiore della magistratura ospita, dal 30 novembre al 2 dicembre, un corso dedicato a "Professione magistrato”: identità e immagine della magistratura nell'Italia di oggi, che costituisce una prima sede di riflessione sui risultati della ricerca intrapresa dalla Scuola in accordo con l’Associazione Nazionale Magistrati, e attuata con l’invio a tutti i magistrati togati in servizio, di un questionario di tipo demoscopico, cui ha fatto seguito una seconda fase di ricerca rivolta all’opinione pubblica all’esterno della magistratura.

I risultati dell’indagine sono stati introdotti dagli autori del Rapporto di ricerca – il dott. Nadio Delai (sociologo, presidente dell’Istituto Ermeneia) e il prof. Stefano Rolando (docente di Teoria e tecniche della comunicazione pubblica all’Università Iulm di Milano) e poi discussi, con la presenza di esperti di ricerca sociale (tra cui il prof. Ilvo Diamanti -slide- e il prof. Franco Rositi).

Sono qui pubblicate le slide con alcuni dati qualitativi e quantitativi commentati ricavati dalla ricerca, la cui integrale pubblicazione avverrà prossimamente.

Scade il 4 dicembre il termine per le iscrizioni al “corso di inglese giuridico e-learning” (CIGEL) 2015 per l’apprendimento della lingua inglese su piattaforma Moodle.

Logo Legal EnglishDato il grande successo dell’edizione precedente, la Scuola superiore della magistratura propone anche per il 2015 un corso "e-learning" di inglese giuridico (CIGEL).

Stante la prevedibile partecipazione di magistrati almeno in parte già fruitori del precedente corso, i materiali e le tematiche saranno completamente nuove, ferma restando la trattazione del sistema grammaticale della lingua.

Le nuove tematiche includono fra l’altro: Administrative Law, EU Migration Law and the Dublin Agreement, the European Court of Human Rights, Privacy Law and the Right to be Forgotten, ecc.

E’ richiesto un livello pre-intermedio di competenza nella lingua inglese (A2+ nel Quadro comune europeo di riferimento). I partecipanti, previo un level test, saranno divisi in due gruppi distinti: uno pre-intermedio/medio (B1) e l’altro medio/avanzato (B2/C1).

Il corso sarà strutturato su dodici moduli (che si apriranno circa ogni tre settimane), ognuno dei quali dedicato ad un tema diverso.

Il corso partirà il 15 novembre 2015, con l’apertura delle iscrizioni secondo le istruzioni da leggersi qui; le iscrizioni si chiuderanno venerdì 4 dicembre 2015, alle ore 12.

Si consiglia di evitare di iscriversi nelle giornate immediatamente precedenti o nella giornata di scadenza, potendo verificarsi disservizi.

 

Incontro di studi presso il Consiglio di Stato in tema di Corti europee

ImmagineIn data 18 dicembre 2015, dalle ore 10 in poi, presso la Sala di Pompeo del Consiglio di Stato in Roma, Piazza Capo di Ferro, 13, si svolgerà l’incontro di studi “Le Corti europee viste dall'interno: organizzazione, metodo di lavoro e prassi” organizzato, nell’ambito delle attività della Rete Europea di Formazione Giudiziaria, dall’Ufficio studi, massimario e formazione della Giustizia Amministrativa. L’incontro è aperto, senza oneri per gli organizzatori né per la SSM, ai magistrati ordinari, cui si suggerisce di accreditarsi mediante email a segreteriaufficiostudi@giustizia-amministrativa.it. La locandina può leggersi qui.

Prorogata al 4 dicembre la scadenza dell'interpello per scambi presso Uffici giudiziari o presso Scuole della magistratura di Paesi UE ed eventuali tirocini a lungo termine presso Eurojust, CGUE e CEDU

In relazione all'annuncio di seguito riportato, pubblicato il 13.11 u.s., si comunica che, su istanza di Scuole di altri paesi, il termine originario di presentazione delle istanze è stato differito dalla Rete europea al 4 dicembre, trattandosi della prima implementazione di un modulo "online" uniforme.

dreamstime m 20086199 4 people holding puzzle pieces - resized

A Belgian trainer on exchange in Estonia:

"Participating in the Exchange Programme brought only benefits:

to witness the way in which another European country faces the same challenges in a different way,

with a different organization, gives opportunities for debate and allows one to return to their home countries inspired and with new ideas”.

 

La Scuola ha il piacere di annunciare che, nell’ambito della collaborazione con la Rete europea di formazione giudiziaria, anche per il 2016 si rendera' possibile per i magistrati ordinari italiani partecipare a scambi tra autorita' giudiziarie, tirocini e visite di studio organizzati da Scuole della magistratura di altri paesi dell’Unione europea o da istituzioni europee.

Al riguardo, la Scuola pubblica oggi un interpello (che puo’ leggersi, previa autenticazione con password al sito della Scuola, qui) relativo a circa 87 posti (meglio a definirsi successivamente), per scambi a breve termine, individuali e di gruppo, per magistrati giudicanti/requirenti presso Uffici giudiziari ovvero per magistrati formatori presso Scuole della magistratura di Paesi UE.

La Scuola, poi, si e' impegnata alla selezione di magistrati italiani per tirocini a lungo termine presso Eurojust, Corte di Giustizia UE e Corte Europea dei diritti dell’uomo solo per il 2017, in base a selezione che sara' effettuata a fine 2016. Nel 2016, tuttavia, potrebbero rendersi disponibili comunque posti, in numero limitato, per tali tirocini lunghi, per cui la Scuola pubblica nel presente interpello anche tali posti meramente eventuali.

Uno o piu' successivi interpelli avranno, infine, ad oggetto visite di studio presso istituzioni europee e/o scambi destinati a magistrati specializzati.

L’interpello ha scadenza il 30 novembre 2015 e prevede la presentazione di istanze informatizzate direttamente, attraverso un modulo “online", alla Rete europea di formazione giudiziaria. Si consiglia di non utilizzare la procedura negli ultimi giorni prima della scadenza, essendo prevedibili sovraccarichi del sito e possibili disservizi.

La presentazione della domanda “online” presuppone l’attenta lettura sia dell’interpello della Scuola italiana che dell’apposito “Tutorial” predisposto in allegato ad esso (ove, ad es., si danno istruzioni circa la corretta compilazione di alcuni campi del modulo informatizzato e si chiarisce che non debbono caricarsi documenti, benché il modulo informatizzato lo consenta).

Altri articoli...

Pagina 12 di 20

Go to top