biancaContattiMappa del sitoEntrabianca

HomepresentazioneAi MOT della Scuola italiana due dei primi quattro premi nella competizione europea Themis!

Ai MOT della Scuola italiana due dei primi quattro premi nella competizione europea Themis!

Themis 01Alla soddisfazione avutasi prima dell’estate con il superamento da parte di ben due squadre di magistrati in tirocinio della Scuola italiana delle semifinali della competizione Themis si aggiunge ora la notizia che entrambe le squadre hanno occupato due dei primi quattro posti nella finale celebratasi il 28 ottobre a Bucarest, presso la Scuola rumena.
La squadra denominata Italy 1, costituita da Fabrizio Alessandria e Mario Bendoni (nella prima foto, insieme con la formatrice che li ha guidati, Gabriella Cappello della Corte d’appello di Reggio Calabria; ha giustificato l’assenza l’altro MOT Marco Stramaglia che aveva contribuito nella semifinale) si è classificata al secondo posto, dopo la Scuola francese.
La squadra denominata Italy 3, composta da Francesco Lo Gerfo, Giulia Bisello e Camilla Cognetti (nella seconda foto, ripresa dal formatore Luca Perilli del Tribunale di Rovereto, che quindi non vi figura), si è classificata al quarto posto.
Ai magistrati in tirocinio (e ai loro formatori), così ben posizionati in un risultato complessivo che premia l’Italia più di ogni altro tra i più di 20 paesi partecipanti, vanno le congratulazioni più vive, nel segno di una competenza e professionalità che certamente i giovani magistrati sapranno trasferire nell’esercizio delle funzioni che tra breve andranno ad assumere.
La competizione Themis è organizzata dalla Rete europea di Formazione Giudiziaria, sulla base di un progetto dell'Unione Europea e del Consiglio d'Europa, che ammette ogni anno le Scuole di formazione giudiziaria dell'Unione a formare squadre di magistrati in tirocinio che competono con squadre di altri giovani colleghi di paesi dell'UE presentando progetti da discutere, nell'ambito di manifestazioni appositamente organizzate su semi-finali e finale, innanzi a una giuria internazionale.

Go to top